Parte da domani in Piazza Manzoni, con il patrocinio del Municipio Bassa Val Bisagno ed in collaborazione con il C.I.V., il Punto Genova Digitale: un luogo fisico dove recarsi per imparare a navigare in internet, cercare informazioni sul web, imparare a usare i servizi online, diventare cittadino digitale. “Ritengo fondamentale utilizzare il chiosco come punto strategico del territorio. Ringrazio i ragazzi di Open genova che rendono possibile questo progetto, il CIV è con voi” Umberto Solferino, presidente CIV Corso Sardegna Bassa

Il Punto Genova Digitale è supportato anche da Auser Liguria e Auser Genova. La Presidente dell’Auser – Ileana Scarrone – è entusiasta dell’iniziativa: “L’Auser, attraverso i propri Circoli culturali e la propria Università popolare – UNIAUSER – organizza molti corsi di informatica per le persone da 65 anni e oltre. Ciò nonostante il digitale divide tra giovani e anziani rimane molto elevato. Tra l’altro molti anziani non posseggono il computer e pertanto non hanno modo di usare i servizi online, che sono sempre più frequenti. Il progetto di Punto Genova Digitale colma una lacuna; mi auguro che tale iniziativa si estenda quanto prima ad altre zone della città”.

Si tratta di un ritorno, dopo la bella esperienza terminata nel 2015 con il Comune di Genova in cui il progetto Genova Digitale ha portato l’alfabetizzazione digitale di base in tutti i Municipi con lo slogan – non come si usa, ma perchè ti potrebbe servire – oggi ripartiamo con un supporto diverso. Il nuovo motto del progetto infatti è – se il cittadino non va al digitale, il digitale va al cittadino – e punta a far uscire l’informatica dalle aule per portarla nelle strade e nelle piazze cittadine. Open Genova punta a dare un contributo affinché nessuno resti indietro!” Enrico Alletto, presidente Open Genova

All’interno del Gazebo ci sarà una persona di Open Genova preparata sulle tematiche digitali di base per il cittadino, un PC rigenerato (recuperato dalla dismissione) collegato ad Internet e configurato in modo tale da “cancellare” tutti i dati di navigazione e di utilizzo ad ogni nuova sessione per tutelare al massimo la privacy degli utenti. Nessuna traccia può rimanere salvata sul PC nemmeno volendo quindi occorrerà dotarsi di supporto USB qualora si volessero salvare immagini o documenti.

L’appuntamento in questa prima fase sarà tutti i martedì dalle ore 9.00 alle 12.00 nel Gazebo di Piazza Manzoni. L’assistenza gratuita avrà una durata di circa 30 minuti, per tutti è gradita la prenotazione telefonando al numero 010/85.68.111.

In un momento in cui alcuni Municipi sono costretti a tagliare i corsi per gli anziani, Open Genova fa partire un servizio di supporto all’alfabetizzazione digitale totalmente gratuito per il cittadino. L’associazione si regge sulle quote associative o sulle donazioni tradizionali (anche grazie alle campagne di crowdfunding), ma usufruisce anche del contributo di alcune aziende del territorio che scelgono di promuovere la propria immagine sostenendo progetti civici in chiave digitale per la città. Grazie a questa formula ed al lavoro appassionato dei soci attivi Open Genova riesce a dare un contributo significativo al territorio.” Pietro Biase, referente crowdfunding Lanterna 2.0

Punto Genova Digitale è liberamente ispirato ai Punti Roma Facile un progetto lanciato alcuni mesi dal Comune di Roma di cui condivide lo spirito: puntare sui cittadini per superare il divario digitale. Costruire buoni servizi digitali infatti non ha senso se i cittadini non li usano e ancora prima se non hanno strumenti culturali di base per coglierne i benefici.

Abbiamo chiesto a chi ha voluto il progetto nel Comune di Roma cosa pensa della nostra iniziativa: “È una grande soddisfazione per me aver potuto condividere con la città di Genova la buona pratica dei Punti Roma Facile. Il divario digitale è un punto cruciale da superare per costruire una società più libera, consapevole ed equa. Auspico che la rete dei Punti Roma Facile si estenda su tutto il territorio nazionale, con la collaborazione di tutte le amministrazioni locali, perché nessuno resti indietro.” Flavia Marzano, Assessora Roma Semplice

La prima fase del “Punto Genova Digitale” è ufficialmente partita: nelle prossime settimane verranno raccolti anche i feedback da parte degli abitanti del quartiere e dal CIV di Corso Sardegna Bassa in modo da poter successivamente coinvolgere l’assessorato di riferimento (informatica) a cui il progetto è già stato anticipato ed accolto con interesse.

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*