Nel pomeriggio di sabato 24 settembre, ed in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, Open Genova è intervenuta al convegno “Lanterna di Genova: molto più di un Faro! Verso gli 890 anni (1128 – 2018)”.

Durante l’intervento Enrico Alletto e Pietro Biase hanno raccontato la nascita nel 2014 della collaborazione con i Giovani Urbanisti e lo stato di avanzamento del progetto “Lanterna 2.0” volto all’installazione di un sistema per l’erogazione del Wi-Fi gratuito presso alcune aree pubbliche del faro genovese.

L’evento è stato anche l’occasione per tutti gli attori che ruotanto attorno all’ecosistema Lanterna di conoscerci ed apprezzare il lavoro dei presenti.

, RSS

  • novage

    says on:
    settembre 30, 2016 at 12:35 pm

    Con ‘alcune aree pubbliche’ si intendono le aree a pagamento, chiuse durante i giorni feriali, nonché di difficile accesso? Per fortuna c’è il free wi-fi 😛 … In effetti si prospetta proprio la crezione di una Lanterna 2.0. Genova ringrazia di cuore gli artefici di tutto questo, e vivrà del ricordo ormai lontano delle ‘versioni precedenti’. Adios amigos!

    • Pietro Biase

      says on:
      settembre 30, 2016 at 3:25 pm

      Buongiorno Novage,
      la Lanterna di Genova è attualmente gestita da una associazione di volontari, che proprio per il carattere volontario della propria opera, riescono con grandi sacrifici personali a tenere aperto un monumento che – altrimenti – sarebbe ancora chiuso (così come lo è stato per diverso tempo).

      Per quanto riguarda il difficile accesso, è ben evidente che le attuali difficoltà non dipendono da chi attualmente gestisce l’area della Lanterna, che – anzi – viene danneggiato da questa situazione.
      Per finire, la nostra associazione si occupa di favorire e diffondere l’utilizzo di servizi digitali tramite il WiFi e la banda larga nella nostra città, e non ci occupiamo di come gestirne i monumenti e/o luoghi turistici.

      Un caro saluto.

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.